3 Giorni a  Berlino
     Da Venerdì 24  a Domenica 26 Settembre

2 Notti in  Hotel***  Centrale

 Volo a/r da Roma/Berlino incluso 


 

 

                 

Prezzo 2 Notti in Camera Singola ( o doppia uso Singola)  Hotel    volo a/r incluso

                


      Per il programma Viaggio  e tutte le info
   Accompagnatore del Viaggio ( Enzo )

                                                                                                                                                          





Cosa visitare a Berlino

Metropoli dinamica e cosmopolita nel cuore dell'Europa, Berlino è situata nella parte orientale della Germania, a 70 km dal confine polacco. Con oltre i 3 milioni di abitanti la città si presenta al visitatore come un luogo del sapere e della cultura. Tra storia, architettura, cinema, musica, Berlino vive immersa nella sue tradizioni ma, soprattutto, nel suo futuro.
fino al Checkpoint Charlie, ecco le informazioni utili e gli itinerari più importanti alla scoperta della città

Con la caduta del Muro il 9 novembre 1989, Berlino ha vissuto uno sviluppo sorprendente e da vero e proprio cantiere a cielo aperto si è trasformata nel simbolo della rinascita tedesca. Oggi è una delle capitali dell’architettura contemporanea (con strutture firmate da Renzo Piano, Frank O.Gehry e Norman Foster)




La Porta di Brandeburgo


La Porta di Brandeburgo è il simbolo di Berlino. Ai tempi della Guerra Fredda era l’emblema della divisione delle due Germanie mentre, dopo la caduta del Muro, è diventata la rappresentazione della Germania unita.  in stile neoclassico, è l’unico esemplare sopravvissuto della cinta muraria, ed era la via di ingresso in città. Dodici colonne sorreggono ancora oggi la porta sormontata dalla celebre Quadriga, opera di Johann Gottfried Schadow.

Quando la notte del 9 novembre 1989 il muro venne abbattuto, migliaia di persone si radunarono proprio di fronte la porta, che dal 1969 era rimasta chiusa in quella “terra di nessuno” tra i due settori della città. Ma la storia della Porta di Brandeburgo parte da molto lontano, quando nel 1788 Guglielmo II, grande appassionato di arte e mitologia greca, commissionò la costruzione di una delle 18 porte di accesso alla Città di Berlino sulla falsariga della porta d’ingresso all’Acropoli di Atene. 


   

Alexanderplatz

 

impossibile visitare Berlino senza passare da Alexanderplatz . La piazza è il simbolo della capitale tedesca e, a conti fatti, può rappresentare l’inizio del tuo itinerario, essendo centralissima e raggiungibile comodamente con qualsiasi mezzo. Sita nel quartiere Mitte, il cuore dell’ormai ex Berlino-Est, la piazza è un luogo di monumenti, edifici famosi, centri commerciali, pub, lounge bar e ristoranti. Da non perdere la fontana dell’amicizia fra popoli e l’Urania Weltzeituhr, il maestoso Orologio Urania, punto d’incontro al centro di Alexanderplatz. 


  

       

Torre della Televisione (Berliner Fernsehturm )

Ecco un altro simbolo di Berlino: la Torre della televisione. Alta 368 metri, la noterete non appena avrete messo piede in città, sarà piacevole salire fino in vetta con l’ascensore e ammirare dall’alto il panorama mozzafiato e prendete un caffè nel bar panoramico e non resta che godersi lo spettacolo!




   

   


Checkpoint Charlie


Un importante simbolo della Guerra Fredda, divenuto meta obbligata da visitare se vi trovate a Berlino. Qui passavano gli Alleati, i diplomatici e tutti quegli stranieri che avevano il diritto di andare da una parte all’altra di Berlino dal 1961 al 1990. Oggi al Checkpoint Charlie si trova una guardiola dell’esercito americano ricostruita nei minimi dettagli e il fotografatissimo cartello “State lasciando il settore americano”. Oggi il Checkpoint è anche diventato il set cinematografico di importanti film di spionaggio e thriller. A pochi passi, potete visitare il Mauermuseum Haus am Checkpoint Charlie.


   


L'Isola dei Musei  (
Museumsinsel )

Dalla Porta di Brandeburgo parte un lungo viale che conduce alla cosiddetta Isola dei Musei di Berlino,  Museumsinsel in tedesco, è una rete di cinque musei di importanza internazionale nel centro della città, sul lato settentrionale di un'isola sulla Sprea. Il complesso museale a nord dell'isola è patrimonio dell'umanità UNESCO e ti offre un vero e proprio viaggio nella storia. L'Isola dei musei è una tappa irrinunciabile per ammirare magnifici reperti quali l'Altare di Zeus e la Porta di Ishtar di Babilonia, conservati nel Museo di Pergamo, o l'affascinante Busto di Nefertiti nel Neues Museum.

     




Il Reichstag



Sfondo di una delle fotografie più famose al mondo, che segna la caduta del Nazismo e immortala un soldato sovietico mentre issa la bandiera con falce e martello sulla sua sommità, il Reichstag è la sede del parlamento tedesco e come la maggior parte dei  monumenti berlinesi, porta tutti i segni della Seconda Guerra mondiale e ha una storia tutta sua da raccontare.


Nato come edificio per ospitare le camere del Parlamento Tedesco, fu proprio da una delle finestre del Reichstag che nel 1918 venne proclamata la nascita della Repubblica Tedesca, segnando il tramonto della monarchia e della dinastia degli imperatori di Germania. 

Un anno dopo la caduta del Muro, fu proprio al suo interno che il 2 ottobre 1990 si celebrò la cerimonia ufficiale della Germania riunificata. Solo nel 1999, ben 66 anni dopo il grande incendio, è ritornato ufficialmente il simbolo della democrazia tedesca ospitando nuovamente le camere del Parlamento. La splendida cupola in vetro e acciaio che vediamo oggi è stata progettata dal rinomato architetto inglese Sir Norman Foster, come simbolo di apertura dopo il periodo buio della divisione e attraverso le sue vetrate si vede tutta Berlino e la zona interna del Parlamento.



   


 Il Muro 


Il 9 Novembre del 1989 venne abbattuto il tristemente noto Muro di Berlino. Non fu solo un fatto materiale ma anche ideologico e politico, come le divisioni che hanno spaccato in due, per 18 anni, non solo Berlino ma la Germania intera. Il Muro si estendeva per 170 km ed era alto 10 metri, divideva la parte della città americana e quella sovietica. Era impossibile attraversare il confine, lo testimoniano i centinaia di morti che ci hanno provato invano. Ad oggi rimane intatto, in città, solo 1 km di cemento. Nel 1990, per celebrare la riunificazione della Germania, decine di artisti hanno decorato il Muro con murales ed opere d'arte, divenute poi celebri in tutto il mondo. Il tratto di muro ricco di murales è noto come East Side Gallery




     



Il Memoriale dell'Olocausto


Crocevia della storia del XX secolo, Berlino non poteva non dedicare un monumento a uno dei momenti più bui del nostro passato: in un’area distante appena 1 km dalla Porta di Brandeburgo, 2711 blocchi di cemento di altezza variabile compongono il Memoriale dell’Olocausto, un atto di commemorazione per i 6 milioni di ebrei sterminati durante il nazismo..

Inaugurato nel 2005, è composto da lastre di altezza variabile, da 20 cm fino a quasi 5 m e poggiati su ripiani ondulati, concentrando quelle più alte verso il centro, per dare un aspetto non lineare e labirintico al monumento, al punto che camminando tra le grigie e squadrate stele di cemento, il memoriale diventa sempre più stretto e irritante, in modo che il visitatore possa avvertire il contrasto tra il prima e il dopo il suo ingresso.


      

 



Quartiere Nicolai ( Nikolaiviertel)

Il Nikolaiviertel è la più antica zona residenziale di Berlino. Con i suoi vicoli medievali e numerosi ristoranti e locali, è uno dei più amati punti di riferimento per i visitatori di Berlino. Nel Medioevo, su questo punto passava una via commerciale. Artigiani e commercianti si stabilirono all'incrocio tra il fiume e la via.
A causa dei bombardamenti, il quartiere è stato ampiamente distrutto nel 1944, per molto tempo rimase un cumulo di macerie non utilizzate. Solo alla vigilia del 750° anniversario di Berlino, il cumulo di rovine venne ricostruito sotto la guida dell'architetto Günter Stahn. Sulla base di esempi storici, le case e le strade sono state riprodotte nel modo più esatto possibile in modo tale che si abbia l'illusione di un pezzo della vecchia Berlino. Le più importanti attrazioni, oltre a Nikolaikirche, includono anche l'Ephraimpalais, un palazzo che è un capolavoro dell'architettura dei palazzi del XVIII secolo. Altrettanto bella è la costruzione barocca della Knoblauchhaus, edificio del 1760 i cui ambienti, arredati con mobili preziosi, danno un'idea del mondo dell'alta borghesia.




  

   



Kurfürstendamm 

Paragonabile agli Champs-Élysées di Parigi, il Kurfürstendamm è un viale lungo 4 km che va dal monumento di Beton-Cadillacs, a ovest, alla Chiesa commemorativa dell'Imperatore Guglielmo a est. Sul viale si affacciano boutique, ristoranti, hotel, autosaloni e caffetterie; i suoi platani fanno ombra e lo rendono perfetto per una passeggiata. Molti dei negozi sono di alto livello ma puoi trovare anche marchi meno cari come Bershka e H&M. Lungo Kurfürstendamm trovi anche KaDeWe, uno dei più grandi centri commerciali di Berlino.



     

Gendarmenmarkt

Il Gendarmenmarkt, letteralmente mercato dei gendarmi, è una delle piazze più grandi di tutta Berlino ed è dominata da tre edifici storici: la Konzerthaus, la Cattedrale Francese e il Berliner Dom. La Konzerthaus, costruita nel 1821 sul sito di un più antico teatro, è di gran lunga uno dei teatri più importanti a Berlino ed è famosa per il suo splendore architetturale. Il Berliner Dom è una cattedrale in stile nuovo barocco ed è la più grande chiesa della città. Nella cripta della cattedrale vi sono le spoglie di quasi 100 uomini illustri, fra cui il Grande Elettore e Federico I.La Cattedrale Francese o Franzosischer Dom, fu costruita nel 1705 per ospitare la comunità degli ugonotti berlinesi. Dalla sua torre di 70 metri si gode di un’ottima vista su tutta la città. 


Oberbaumbrücke

L'Oberbaumbrücke nacque nel 1724 ancora come struttura in legno e solo dopo altri interventi di costruzione nel 1894 e nel 1992, questo punto di riferimento raggiunse l'attuale aspetto in pietra. Con la riforma della zonae del 2001, l'Oberbaumbrücke simboleggia in particolare il quartiere di recente creazione di Friedrichshain-Kreuzberg e quindi anche la convergenza di Berlino Est e Ovest.


Oggi il ponte è una parte importante delle infrastrutture di trasporto, in quanto i suoi 150 metri sono utilizzati per il traffico stradale e pedonale e per la linea metropolitana 1. 




 Foto varie di Berlino dello Staff di Seratasingle dei Viaggi precedenti